L'Egitto è sotto il dominio kushita (dinastia del sud) e Dopo avere, nella precedente conferenza su "I Fondatori dell'Egitto, Cam, Misraim e i suoi figli", cominciato la storia egiziana, ora andremo a proseguirla raccontando quella dei Faraoni delle undici prime dinastie che hanno regnato, sovente simultaneamente, sulle provincie del regno, prendendo il posto dei fondatori. Questo faraone è citato da Erodoto nei termini seguenti: "Dopo... regnò il sacerdote di Hephaistos che aveva nome Sethos. Kainotitainos fu messo alla testa del regno di Tanis solo per il suo valore militare, per difendere questo posto avanzato dalle incursioni dei nomadi. di Ian Shaw e Paul Nicholson, presenta la lista dei principali sovrani egizi dei Athothis I regnò 29 anni, ossia dal 2114 al 2085 e collaborò strettamente con Tosertasis, re menfita della IIIª dinastia che celebrò i suoi funerali e lo divinizzò, senza dubbio a causa dei suoi lavori in medicina e architettura. Gli occhi della divinità dei falchi Horus sono il sole e la luna . Macrino fu sgozzato anche lui dai suoi soldati l'8 giugno 218 e così ebbe fine anche il regno di suo figlio. Già a Erodoto si raccontava che era lei, e nessun'altra, che era sepolta nella terza piramide". A 12 anni e mezzo, quando forse stava per essere dichiarato maggiorenne, fu assassinato con sua madre da Cassandro, re di Macedonia. Tito, il vincitore di Gerusalemme, salì sul trono alla morte di suo padre e si mostrò il modello degli imperatori. É possibile che questo faraone, prima di regnare in Egitto, sia stato viceré di Nubia, giacché il suo nome ricostruito si può tradurre: "Il guardiano dei vortici delle porte della dimora dei grandi dèi". Il soprannome può anche interpretarsi Khômatos, ammasso di terra di una tomba e diga per impedire lo straripamento, il che si rapporterebbe alla grande piramide, che è sia monumento sepolcrale che barriera contro le sabbie. Notiamo che questa iscrizione conferma la Bibbia facendo del re di Giuda il più grande dei re stranieri, allora Roboamo, figlio di Salomone. Si rifugiò allora da Luhabim che lo adottò per erede concorrentemente al proprio figlio. Egli stava preparando il giubileo del 316 quando fu assassinato da Olimpias. Ridotto in grande difficoltà, il sacerdote entrò nel tempio; e là, indirizzandosi alla statua del dio, gemeva sulla sorte che rischiava di subire. In quel momendo, Tolomeo X tornò a regnare in Egitto con sua figlia Berenice IIIª che prese il nome di Cleopatra IVª. L'intensa attività edilizia monumentale testimonia la floridezza economica dell'Egitto di Ramesse II. In effetti, al libro II dei Paralipomeni, cap. Questo strumento sembra evocare la sposa legittima di Chasluim, antenata femminile del nostro re, la quale, rifugiatasi a Saïs dopo il suo abbandono, lo avrebbe inventato. GLI HYKSOS ERANO GLI ANTENATI DEGLI EBREI? Secondo l'Africano, Boèthos avrebbe regnato 19 anni, ossia dal 2003 al 1984. Sembra dunque che abbia avuto all'epoca un posto preminente rispetto agli altri faraoni. Ma questi morí senza figli nel 743, il che pose fine del XXIIa dinastia. L'esatta datazione delle dinastie egizie e dei singoli re è Merenptah 1213-J203 La sua saggezza doveva essere proverbiale poiché Eratostene la chiama Athénâ Nikèphoros. E il supplizio dei suoi, che egli ha permesso, è stato uguale a quello dei persecutori del suo popolo?" ", Dato che Davide e Joab morirono verso il 975 e Psinakhès morì poco dopo, è evidentemente questo faraone che accolse Adad; essendo questi divenuto un nemico accanito di Salomone, non è certamente Psinakhès, suo protettore, che diede la figlia in matrimonio al figlio di Davide, ma piuttosto Ammòniasèkothesis, divenuto sovrano e che un'ascendenza israelitica poteva avvicinarlo al re ebreo. Diodoro lo chiama anche Khemmis o Arméos. Regnò dal 1915 al 1905. Dario I regnò sull'Egitto fino al 486. L'Egitto è governato dagli Hyksos, invasori provenienti A Xoïs, il re che terminò la linea fu Neoparès, che si gloria di non aver dovuto diminuire la sua parte. Il nome greco di Boèthos ha d'altronde il senso di difensore, di quello che viene in soccorso, di bellicoso, e il copto potrebbe dare ugualmente: "Che ha il bastone del comando su un gran numero". Questo re, rappresentato in geroglifico da un pellicano in postura di digestione, dovette essere soprattutto un amante della buona tavola. Il primo faraone è chiamato da Eusebio Bochos, da Eratòstene Bochus, dall'Africano Bonthos; alcuni autori danno la variante Boèthos. La sorella di Tafni gli partorì il figlio Ghenubàt, che Tafni allevò nel palazzo del faraone. Lasciarono solo il figlio più piccolo di Ioram, di nome Acazia. Ora Joram morí verso l' 834; l'attacco contro la terra di Giuda avvenne dunque verso l' 845. Gli altri principi eressero dei piccoli regni di cui i dodici del Delta formarono quella che i Greci hanno chiamato la Dodegarchia, che studieremo al capitolo seguente. Alla morte del re di Coptos il dinàsta di Tebe divenne effettivamente il sovrano dei nove primi nòmi dell'Alto Egitto come si vede nella carta 3; contemporaneamente, egli rèsse l'Alta Nubia e poi assorbì la Bassa Nubia. Ma Tolomeo VII, che aveva l'ambizione di regnare da solo in Egitto, lo fece sparire verso il 146. Il sedicesimo sovrano, Verus, di fatto non fu che l'associato di Marc'Aurelio; morì prima di lui alla fine d'aprile 169 e fu senza dubbio incaricato particolarmente del governo dell'Egitto, giacché abbiamo di lui delle iscrizioni che si rapportano alle cerimonie che vi furono celebrate dal 161 al 169. Nell' 897, egli passò a Tebe per sostituire Smendes Isud e vi rimase fino all' 875. La prima serie di re comprende un Menkhères, sovrano a Memphis, un Nepherkères, a Xoïs, un Kainotitainos, prìncipe siriano, a Tanis, un Nemeaïos, a Thmuis, e un Mesokhrinekôros a Damanhour. Riuscì a mantenere la pace. Vengono quindi Stephinathès, che regnò fino al 683, Nekhepsos, che morí nel 670 senza aver potuto rientrare a Menfi, poi Nékao che perì nel 663. Ma non è certo che Berenice IIIª abbia co-regnato ancora a lungo con suo marito, che l'ha forse ripudiata per sposare una Cleopatra Vª. Non regnò neanche un anno e scomparve nel 1903. Nessuno ha aperto il becco per gridare". Has the Childhood Home of Jesus Been Found? Regnò allora in Egitto con sua madre dal 106 al 97, epoca in cui ella morì. Ma Imouthès (che il racconto antico assimila a Harmakhis, che è il soprannome di suo padre: Toig-aramachos, ma può applicarsi anche a lui poiché Toyga si traduce: voi due) battè gli assalitori a Edfou, nel nòmo Apollinopolita, il secondo dell'Alto Egitto. 21, è detto che: "Ioaram, re di Giuda, fece il male in presenza del Signore; egli abbandonò il Signore, il Dio dei suoi padri, e fece fare dei santuari sulle colline della città di Giuda. DINASTIE:  XXVIIIª,  XXIXª,  XXXª,  XXXIª. I re in dissidio della Vª dinastia avevano ricorso al suo arbitraggio. (adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({}). Ay 1327-1323 Questi abolì definitivamente i sacrifici umani che ancora si praticavano in Egitto; permise tuttavia che si continuasse l'uso dell'immersione della fidanzata del Nilo, come confermano le sue iscrizioni. Nel corso del suo regno, Semempsès ebbe a celebrare una sola cerimonia, lasciata incompiuta dal suo predecessore: la fine del giubileo del 2025. In quel momento, il popolo non si era ancora rivoltato e niente si opponeva a che i faraoni della VIª dinastia avessero la loro piramide come quelli della IVª; non essendo Menkheres ancora salito al trono, Nitocris non poteva occupare la sua piramide il cui progetto non era ancora stato concepito. Ma nel 659 il Dodegarca esiliò Psammétikhos nella regione di Bouto dove rimase quattro anni e dalla quale ripartì nel 655 per ristabilire la monarchia a suo profitto. Si può ammettere che sui venti troni che essa contò vi furono circa 120 faraoni di cui solo 49 sono conosciuti. Forse si è anche alleato con dei re negri, giacché sua moglie, che gli egittologi chiamano Mertitefs, offre, stando la sua testa pubblicata da Petrie, un tipo negroide molto marcato. Cesare Ottaviano Augusto, vincitore di Antonio, regnò pertanto sull'Egitto dal I° agosto del 30 a.C. al 14 d.C.. I FARAONI DELL' ANTICO IMPERO . Tosertasis fu seguito da suo figlio, Sephouris-Achès, chiamato da Eratòstene Mares yios aytoy Heliodoros. Sign in|Recent Site Activity|Report Abuse|Print Page|Powered By Google Sites, non si esclude che Narmer e Menes siano la stessa persona, comunque Menes fu identificato anche con Aha, circa dodici re, fra i quali due di nome Neferkerê e tre di nome Kheti, almeno cinquanta faraoni che in media non regnarono per più di tre anni, circa settanta re del Basso Egitto che hanno governato contemporaneo alla XIII dinastia, ARTICOLI INFORMAZIONI NOTIZIE E SCOPERTE RIGUARDO LARCHEOLOGIA CRISTIANA, 5000 year old settlement discovered in Javakhk, Ancient inscription points to Jewish past for early Christian site, Biblical Archaeology’s Top Ten Discoveries of 2014, Biblical Archaeology’s Top Ten Discoveries of 2015, Criptici graffiti in caratteri ebraici, antichi di duemila anni, Dai papiri di Ossirinco emerge la commedia di Mosè salvato dalle acque, EGITTO: Aton la divinità del faraone Akhenaton (Amenofi IV), EGITTO: Da Akhenaton a Mosè, non avrai altro dio, Egitto: Rilievo dalla tomba di Horemheb al lavoro nei campi dell'oltretomba, Egitto: Sette nuove tombe aprono a Saqqara, GESU' ESSENO? Nonostante queste turpitudini e questi crimini, il regno di Tolomeo II fu un'epoca particolarmente brillante. Suo figlio, Tolomeo VI, aveva appena 5, 6 o 7 anni, secondo gli autori, e regnò sotto la tutela di sua madre, Cleopatra Iª, fino al 173 circa, anno nel quale la madre morì. L'iscrizione rappresenta il re che porta una clessidra. Durante questi anni turbolenti l'impero aveva conosciuto come sovrani normali: Claudio II, valente soldato che morì di peste dopo 2 anni di regno (268-270) e Aureliano. Tolomeo X, Sôter II, salito sul trono alla morte di Evergete II, il 21 settembre 117, regnò inizialmente fino al 106, anno in cui sua madre Cleopatra III provocò un sollevamento che lo obbligò a fuggire prima in Seleucia e poi a Cipro. I FARAONI DEL BASSO IMPERO. Col decreto di Canope, preso nel suo anno IX, prescrisse di aggiungere ogni 4 anni un sesto giorno epagomèno per mettere l'anno civile più in accordo con l'anno astronomico; arricchì grandemente i templi. Aveva dovuto intervenire in Egitto contro l'usurpatore Saturnino. Crombette la fa risalire al suo vero iniziatore Inaros che, rivoltato contro i Persiani nel 478, aveva fondato un regno in Libia, poi aveva riconquistato il Delta con l'aiuto di Amyrtaios I e costituito due regni d'Egitto indipendenti dalla Persia: il suo, con capitale Sais e Menfi, e quello di Amyrtaios I avente senza dubbio per capitale Mendès. Divenuto re di una parte dell'Alto Egitto contigua alla Bassa Nubia, nel 2115, Siophès-Sisirès stabilì il suo trono a Silsilis, località che costruì e alla quale diede il suo nome di Sisirès mentre il figlio proprio di Luhabim, Chères, suo vassallo, regnava a Coptos. Ramesse III 1184-1153 "Quelli del paese delle pecore (o delle terre coltivate) al limite del deserto; quelli che vengono da grande nobiltà nemica", dove l'aquila non appare che due volte. Apriès si impegnò quindi in una guerra contro il re di Babilonia ed ottenne inizialmente dei successi considerevoli fino alle rive dell'Eufrate con il suo esercito comandato da Amasis. Morì nel 220 dopo essersi associato fin dal 225 suo figlio, Tolomeo IV, detto per antifrase Philopatôr, che ama i suoi parenti, giacché assassinò forse suo padre e fece perire sua madre, suo fratello, sua moglie, Arsinoe IIIª, e il suo ospite Cleomène. Tutti i pescatori del Nilo grideranno sconsolati. La regina Nitocris, della VIª dinastia, sembra essersi impadronita di questo mausoleo, terminato molto tempo prima di lei; siccome ci si ricordava ancora negli anni posteriori i suoi capelli biondi e le sue guance rosa, la si confuse con la celebre greca Rhodopis, dalla carnagione rosa, che fu, si dice, la moglie del fratello di Saffo e l'amica dei faraoni. Così finisce la Vª dinastia. Asa e tutto il popolo che era con lui li inseguirono fino a Gerar. Inoltre fece liberare l'ouadi Toumilat che si era insabbiata, non solo per ristabilirvi la circolazione fluviale, ma soprattutto per permettere l'irrigazione delle terre di Goschen. - "Il grande capo che incita la moltitudine a produrre di più per togliere l'altezza che separa le acque in vista di raggiungere infine il grande muro e farvi passare le navi". Un re di nome sconosciuto seguì Thannyras e fu rimpiazzato nel 420 da Nepherites I, ancora vassallo dei Persiani. Durante questo periodo l'Egitto ebbe sempre meno faraoni nazionali e cadde infine sotto il giogo straniero dei Persiani, dei Greci e dei Romani. Fu rimpiazzato dal figlio di una concubina di TolomeoX, Tolomeo XIII, che fu chiamato Neos Dionysos, nuovo Bacco, e anche Aulète, il suonatore di flauto, forse per aver celebrato Bacco con dei canti e della musica nei santuari del dio. Questo ambizioso faraone approfittò della morte di Psousennès III per accapparrare in favore della sua famiglia i troni del Sud. Massimino marciò contro di loro, ma fu sgozzato dai suoi soldati; Pupino e Balbino ebbero la medesima sorte, Massimino II scomparve (238). Questo faraone ebbe anche a respingere un'invasione dei Bedjas, di cui egli si gloria con un braccio a forma di ascia. La Cronaca relaziona che, al suo tempo, si cominciò ad adorare Apis a Memphis, Mnèvis a Eliopoli, e un ariete a Mendès. Nel 603 Nèkheô II prese come vicere suo figlio Psammetico II che gli successe dal 599 al 585. Per di più hai fatto uccidere i tuoi fratelli, persone della tua famiglia che erano migliori di te. Vinti, i due sposi si diedero la morte e Ottavio fece perire Cesarion. I suoi generali ripresero la politica espansionistica in Asia. Si dice, d'altronde, che fu lui l'inventore delle costruzioni in pietre, ben tagliate grazie a uno scalpello munito di protezione della mano dell'operaio. Apriès accolse in Egitto i Giudei che vi cercarono rifugio. Galèro e Costanzo Cloro, in qualità di Cesari, si erano associati, nel 305, Massimino Daia, che governò l'Egitto e la Siria, e Severo, che ebbe l'Africa e l'Italia; entrambi presero il titolo di Augusto. È dunque durata un po' più di 88 anni. Tutti i convitati furono annegati. In quell'anno Nabucodonosor, re di Babilonia, venne a mettere l'assedio davanti a Gerusalemme. Mentre era associato a suo padre ebbe luogo il miracolo di Isaia, di cui abbiamo parlato precedentemente, e che egli registrò in due iscrizioni geroglifiche di cui una è collocata su un portico del tempio di Karnak. Egli morí nel 904 e Takelothis I gli succedette a Menfi. Così il re avvallava una credenza nella metempsicosi che fu forse una delle cause dell'adorazione degli animali dagli Egiziani. Lui vendicato, Nitocris morì a sua volta sotto i colpi della rappresaglia delle famiglie degli assassini, e le sue costruzioni, che ormai non richedevano più che un anno per essere terminate, restano incompiute. Assalirono anche gli accampamenti dei pastori e portarono via una grande quantità di pecore e di cammelli. Egli divise il suo regno tra i suoi tre figli, Athothis, il primogenito, che regnò a Thinis come sovrano dei suoi fratelli, Kenkenes o Curudès, il secondo, che tornò da Creta e governò i nòmi (=regioni, circoscrizioni) 13 e 14 del Delta, ed infine il cadetto Ouenephès che regnò sui nòmi 2, 4 e 5 del Delta e sul 12° del Medio Egitto. Era mettere i suoi avversari eventuali davanti al fatto compiuto. É d'altronde ciò che diceva già il copto, giacché si può vedere per trascrizione dello scudo reale: "Quello che ha desiderato ardentemente altre donne; che ha passato i giorni della sua vita a riposarsi disteso; che si è profuso in grandi bevute e orgie; che ha vissuto per bere, mangiare, accoppiarsi, dissiparsi, riposarsi (come una bestia selvaggia spregevole)". Essi invasero il regno di Giuda e portarono via tutti i beni che si trovavano nella reggia, comprese le donne e i figli del re. In questa pagina sono riportati i faraoni dell'Egitto, suddivisi secondo le dinastie e periodi tradizionali, dati tratti dalle fonti storiche quali le liste reali egizie e dagli ultimi studi storici sull'argomento. Regnò solo un anno. Questi preparò nell' 846 una grande spedizione contro Joram, re di Giuda. Grazie alla vittoria che riportò a Isso, aggiunse all'Egitto la Fenicia, l'Arabia e la Cirenaica. Cercò di sottrarre la Siria al controllo ittita, ma fu sconfitto a Qadesh nel 1285 a.C. circa. Quest'opera introvabile è stata ricopiata da un mmbro del CESHE alla Biblioteca Nazionale ed è disponibile al nostro segretariato. A Bicheres successe Sebercheres che celebrò un giubileo nel 1905 e si gloria di aver fatto adorare l'ariete, immagine di Amon. In un'altra iscrizione Rathoyrès si dice: "Quello che è veramente molto amato dal capo superiore del gregge, Ånk signore supremo della casa della grande porzione profonda (il Basso Egitto)". É l'autore della più grande di tutte le piramidi, che riuscì a terminare grazie al suo lungo regno di 29 anni, dal 2014 al 1985. IL DOTTORE RICHARD NEAVE E' ANTICRSTIANO E ANTISEMITA? Gli imperatori romani, infatti, hanno conservato sull'Egitto le prerogative dei faraoni; sono loro che figurano nominativamente nelle cerimonie religiose al posto che tenevano i re indigeni; come i re della XXXIIIª dinastia, essi hanno gli onori della divinizzazione nel pantheon egiziano; se essi governano l'Egitto tramite dei prefetti, i re delle dinastie persiane lo hanno fatto con i satrapi; poi, quando l'impero romano comincia a disgregarsi, gli alessandrini fanno del prefetto dell'Egitto il loro imperatore particolare; infine, per chiudere la dimostrazione, gli stessi Egiziani hanno fatto di Cesare Augusto, il primo imperatore romano, un capo genealogico, come mostrano alcune delle sue iscrizioni geroglifiche e in particolare il titolo di Theos che gli è stato dato e che si legge: Påh-Ha-Sôtp-Nouhdjer-Djaçê-Hahemsi, cioè: il signore a cui appartiene grandemente di essere eletto divinizzato;il sublime capo genealogico". Il suo regno senza fatti salienti si concluse nel 2047. A Ottavio successe Tiberio, dal 14 al 36. Fu ucciso da una congiura di palazzo. Tolomeo III si recò più volte a Tebe, senza dubbio per calmare le suscettibilità del clero di Amon. Questa situazione non impedì agli Egiziani di celebrare, senza dubbio in una sola cerimonia, il centenario della morte di Apofis il Grande (253), il giubileo (254) e il centenario della morte di Misraïm (255). D'altra parte, secondo Erodoto: "Menchérès... sgravò i suoi sudditi stanchi dalle esazioni di Souphis e rovinati dall'orgogliosa costruzione delle grandi piramidi". Ora, Cambise III si era sbarazzato di suo fratello cadetto, Smerdis, al fine di entrare da solo in possesso dell'eredità di Ciro. Infatti il re di Assiria si vanta dicendo: "Ho fatto tutto questo da solo. Doveva avere il manto nero, sulla fronte un triangolo bianco, sulla schiena l'immagine di un avvoltoio, e sul lato destro quella di una mezza-luna bianca. L'ultimo re tanita dell'ottava dinastia è Neôphrourakys, "quello che nella sua capitale ammucchia una guarnigione rinforzata". Morto il 27 gennaio 98, fu rimpiazzato da suo figlio adottivo Traiano. Ciò significa che questo re sostituì sostituì una stagione di 2 mesi con una di 4. Infine, celebrò il centenario della morte di Misraïm. Disegno di Faraoni egiziani da colorare Disegni da . Thutmosi III 1479-1425 Ti presentiamo i nomi egiziani per gatti con il loro significato, ispirati nelle divinità egizie, faraoni e regine. in cui si installarono l'idolatria e perfino la zoolatria, si sviluppò la magìa; in cui il politeismo fa dimenticare il culto al Vero Dio, in cui i sacrifici umani divengono un'istituzione dello stato; dove l'immoralità dei prìncipi, avendo libero sfogo, semina i germi di lotte intestine che, dopo aver debilitato il paese, fanno il letto al dispotismo e aprono le porte allo straniero. Vespasiano, dopo un regno glorioso di 10 anni, morì il 23 giugno 79. Il trionfo effimero del paganesimo sotto Giuliano l'Apòstata (361-363) non cambierà niente, non essendosi sotto il suo regno presentata alcuna cerimonia. Ghenubàt visse nella casa del faraone tra i figli del faraone. Antoniadi ha calcolato che la piramide interna doveva avere una base di 52 metri di lato e quella esterna una base di 105; Crombette ha dimostrato con dei calcoli di volume che la piramide interna era la centesima parte di quella di Cheope e la più grande la quattordicesima. Ramesse III . Abbiamo detto che questi, figlio illegittimo di Rê e di Isis, nato nel 2170, era stato adottato da Ludim come erede presunto e dotato di un principato in Basso Egitto. Ora, Stoichos passa per aver perfezionato la scrittura e aggiunto una scrittura supplementare; è senza dubbio perché fece adottare l'uso di allineare metodicamente i geroglifici ed inventò lo iertatico, o tracciato corsivo della scrittura geroglifica, giacché lo ieratico risale alle prime dinastie. Besch-Hah-Rike, quelli che saccheggiano frequentemente con impetuosità. Nel frattempo, la celebre regina di Palmira, Zenobia, si rese per qualche anno padrona dell'Egitto fino a quando non fu vinta, nel 273, e fatta prigioniera dall'imperatore Aureliano. Abbiamo qui, ma sistematicamente snaturato dal clero egiziano, il racconto dell'attacco diretto contro l'Egitto da Sennacherib, che è evocato nella Bibbia ai capitoli 37, 38 e 39 del Libro di Isaia e ai capitoli 18, 19 e 20 del IV libro dei Re, dove si dice che nel momento in cui il re assiro assediava le città di Giuda, egli seppe che il re di Etiopia si era messo in viaggio per venirlo a combattere; lasciò allora la sede di Lobna e si diresse verso Péluse; ma, nel cammino, 185.000 uomini del suo esercito furono uccisi ed egli dovette rientrare a Ninive senza aver potuto dar battaglia agli Egiziani. L'ultimo re della Vª dinastia, Onnos, è di nuovo un discendente di Horus il Giovane come mostra la lepre osiriana che figura nei suoi scudi. Alla morte di Luhabim, nel 2113, Horus il Giovane gli succedette come re principale sotto i nomi di Siophès-Sisirès, in cui traspare ancora il nome di Osiris, suo padre putativo. Eccoci giunti al faraone omesso da Manetone che gli egittologi chiamano Siamon e che si chiamava in realtà, secondo il suo scudo grecizzato, Ammoniasekothesis. Ci sembra essere questa la spiegazione razionale della presenza sul trono di Tetoupheres. L'Egitto poteva in effetti temere sempre un ritorno offensivo dell'Assiria e Salomone, con 1.300.000 uomini in armi, poteva proteggerlo. Il suo nome significa: "Quello che finì per mettere dell'acqua nel suo copricapo, in mancanza di coppa regolare, per fare il sacrificio dell'acqua". Le iscrizioni geroglifiche precedenti concernono i Mazices, i Maxyes e i Maces e si leggono: "Quelli del paese delle pecore (o delle terre coltivate) al limite del deserto; quelli che vengono da grande nobiltà che oltrepassa quella che viene in ordine superiore; nemici", questa grande nobiltà d'origine è figurata dalla tripla rappresentazione dell'aquila e si deve trattare, qui, dei Mazices. Eratòstene ha le varianti Sensaophis e Senaophis e il soprannome di Khrêmatistês, uomo d'affari. In questa intenzione, egli mise come condizione al passaggio di Poinaios-Sabaktès III da Napata a Tebe che questi adottasse per erede uno dei suoi figli che andò a prendere possesso del trono di Napata. Esse ricordano anche che, dopo aver vinto un'ultima rivolta dei Giudei in Palestina, edificò, nel 135, al posto della città e del tempio di Gerusalemme, una nuova città a cui diede il suo nome (Ælius) Ælia Capitolina. Davanti a lui gli idoli egiziani tremano, e anche il popolo perde coraggio. Giacché Zara, da Cousch, venne ad attaccarli con un'armata di un milione di uomini e trecento carri e si avanzò fino a Marésa. Il re seguente fu un re-coccodrillo: Menchères, e giunse alla sovranità alla morte di Rathoyrès avvenuta mentre celebrava un giubileo nel 2055. Verso il 351, Artaserse II, senza dubbio spinto da Teôs rifugiato alla sua corte, attaccò Nektanèbos II a Mendès, essendo i due re i suoi vassalli. Fu faraone dal 1290 al 1234 a.C. Figlio di Seti I, apparteneva alla XIX dinastia. Costantino morì nel 337, e, se alcuni dei suoi successori erano portati all'arianesimo e perseguitarono i cristiani ortodossi, la loro posizione nei confronti del paganesimo non ne fu modificata. Secondo un computo il più preciso possibile, e basato principalmente sulle cifre di Eratòstene, Mentesouphis avrebbe regnato dal 1980 al 1979 a.C., Nitocris dal 1979 al 1973, cioè proprio all'epoca in cui Khèfren costruiva la sua piramide. Questo luogo è senza dubbio quello che Parthey chiama Crambotis. Il suo successore, Serse I, liberò gli Egiziani rimasti prigionieri e permise loro di rientrare in patria, realizzando così la profezia di Ezechiele. La tavola di Abydos ne nomina 16, di cui 15 sembrano rapportarsi alla celebrazione di giubilei trentennali. Curiosità: La stele di Rosetta è una pietra con un'iscrizione scolpita sia in greco che in egiziano. Questa dinastia contò 25 re da ripartire su 5 troni: uno sovrano, a Memphis, comprendente i nòmi 1, 2, 8 e 13; uno a Damanhour, con i nòmi 3, 4, 7, 10 e 19; uno a Xoïs, con i nòmi 5, 6, 12 e 17; uno a Thmuis, con i nòmi 9, 15 e 16, e uno a Tanis, con i nòmi 11, 14, 18 e 20. Essi credevano di saper governare l'Egitto ma lo hanno portato alla rovina. Il secondo re della seconda dinastia è chiamato dall'Africano Kaiechos; da Eusebio, Chechouos o Choüs; da Manetone, secondo Meyer, Sekôos; Guerin du Rocher ha la variante Caeachôs. Sahura 2487-2475 Abdicò in favore di Tolomeo II verso il 284 e morì nel 282 dopo aver vissuto 2 anni Tutti questi re riconoscono a Petoubastis una sorta di sovranità. Tradizioni sull’Esodo: gli Ebrei sono mai stati schiavi in Egitto? Fu vicerè di Tolomeo XI. Si impadronì del potere supremo e portò a termine la cerimonia, come dice anche il suo nome che significa: "Quello che si afferma malgrado l'avversario". Trova quello perfetto per il tuo felino Tatuaggi simboli esoterici: Immagini e significato . Userkaf 2494-2487 Il grande gomito (cubito) valeva 0,6125m, e dunque il palmo egiziano doveva essere di 0,3062m. Egli relegò in Nubia (probabilmente nel Dodecascène) i Giudei che aveva accolto Apriès, ma accolse i Greci. Ebbe la sua capitale a Ermant e si riconobbe come vassallo della VIª dinastia deltaica. Josia fu rimpiazzato da suo figlio Joachaz, il quale fu fatto prigioniero dopo 3 mesi di regno da Nèkheô II che mise al suo posto suo figlio Eliacim che chiamò Joachim. Renderò vani i progetti degli Egiziani e farò fallire la loro politica. Quest'ultima espressione "di cui ha apprezzato le qualità" ci mostra che è Menkheres (Micerino) che ha definito le condizioni che doveva adempiere il bue che stava per avere l'onore di rappresentare agli occhi degli egiziani Misraïm reincarnato. Un riferimento extrabiblico a un popolo chiamato Israele, Pinezem I (già grande sacerdote di Tebe), Harsiesis (già grande sacerdote di Tebe). Valeriano ordinò, nel 257, l'ottava persecuzione. In seguito il Signore colpì il re con una malattia incurabile al ventre. Egli è caratterizzato da un geroglifico  analogo alla firma del patriarca Giuseppe che si comprende: "L'immagine di Paneach"; regnò durante un periodo di abbondanza il che gli permise di presentarsi come un nuovo Giuseppe, salvatore del mondo. Per proteggersi dai contraccolpi offensivi venuti dal nord, Rathoyrès edificò un muro fortificato tra Tebe e Ermant; è ciò che riferisce in una delle sue iscrizioni: "Per proteggere le parti da una funesta rivalità tra le potenze, un muro è stato elevato tra i capi delle case supreme". Yves NOURISSAT. Si videro fino a 17 generali rivestire la porpora. Sembra non aver avuto altra attività particolare che quella di sviluppare l'uso del sigillo a forma di tappo di Champagne istituito da Chasluim per rimpiazzare il cilindro sumero. Lungo le rive del Nilo tutte le coltivazioni seccheranno e saranno disperse dal vento. Leggiamo nella Bibbia la storia di Adad: (I Re XI, 14-21) Il Signore suscitò contro Salomone un avversario, l'idumeo Hadàd che era della stirpe regale di Edom. Snefru 2613-2589 In questa pagina sono riportati i faraoni dell'Egitto, suddivisi secondo le dinastie e periodi tradizionali, dati tratti dalle fonti storiche quali le liste reali egizie e …